• Instagram
  • Facebook
  • Twitter

FabLab Junior: una casa per maker in erba

Avete mai “suonato” la frutta? O creato un’animazione strabiliante? Li conoscete gli Ozobot? E i Lego Mindstorms? Se siete appassionati di STEAM Education, robotica e tecnologia in generale e non siete più alti di 1 metro e 50, c’è una bellissima novità! A Fiorano Modenese – per la precisione a Spezzano di Fiorano – è nato il FabLab Junior di Casa Corsini, uno spazio dedicato alla tecnologia creativa per bambini e ragazzi, all’insegna dell’educazione scientifica e dell’innovazione.

 

Un vero e proprio Paese dei Balocchi per gli amanti della cultura maker come la Tata che nei giorni scorsi è andata a sbirciare il laboratorio per voi.

 

 

Il FabLab (prima di tutto, ricordate che cos’è un FabLab? Potete fare un ripassino nel glossario qui sotto!) è uno spazio coloratissimo e stimolante dove dar sfogo alla propria creatività attraverso strumenti per maker in erba come stampanti 3D, collezioni di Ozobot, Lego robotici, circuiti Led, schede elettroniche, inchiostro conduttivo e chi più ne ha più ne metta. Si tratta di un luogo unico nel suo genere perché pubblico - quindi accessibile a tutti - e intrecciato al FabLab “per adulti” già esistente a Casa Corsini, divenendo così un vero e proprio punto di riferimento per la comunità tecnologica del territorio. È infatti integrato nella rete dei servizi comunale e sarà quindi a disposizione di famiglie, scuole, ludoteche e biblioteche locali.

 

Qui la Tata ha avuto un ruolo molto speciale: era un afoso pomeriggio di qualche tempo fa, quando ebbe un lampo di genio. In un luogo così creativo come Casa Corsini perché non dare spazio anche a piccoli inventori e inventrici creando uno spazio interamente riservato a loro? Uno spazio dove trovare giochi e strumenti STEAM che altrimenti sarebbero di difficile reperimento e che sono spesso molto costosi, dove collaborare con altri ragazzi e ragazze sotto la guida di educatori preparatissimi e appassionati sempre pronti a mettere in campo nuove sfide. 

 

Così è nata l’idea del FabLab Junior ed è iniziata una lunga progettazione a più menti insieme allo staff dell’associazione Lumen, che si è finalmente concretizzata il mese scorso con l’inaugurazione dello spazio. 

 

 

Il laboratorio è aperto a tutti e tutte e ospiterà regolarmente corsi e laboratori di coding, robotica, stampa e modellazione 3D, pixel art, video making e tinkering: l’obiettivo è avvicinare anche i più piccoli alle materie scientifiche in modo creativo, allenando il pensiero computazionale e creando una comunità di giovanissimi innovatori.

 

Non solo: per garantire continuità educativa e diffondere il più possibile una cultura scientifica innovativa, ampio spazio sarà dedicato alla formazione di insegnanti ed educatori affinché riescano a comprendere il potenziale delle nuove tecnologie, integrandole sempre più nei propri programmi scolastici.

 

Il corso più recente si è concluso pochi giorni fa ed era condotto proprio dalla Tata! Insieme a lei, docenti delle scuole elementari e medie, hanno potuto comprendere il potenziale di strumenti come Ozobot e Cubetto, hanno visto come è fatto un robot e approfondito la programmazione informatica con Lego Mindstorms e per concludere hanno potuto sbizzarrirsi con una selezione di app molto accattivanti. Date un’occhiata alle foto qui sotto!

 

 Foto Facebook Casa Corsini 

 

Tutto questo non sarebbe stato possibile però senza la determinazione dei ragazzi di Lumen, associazione culturale che gestisce il programma di Casa Corsini e con cui la Tata ha collaborato attivamente negli ultimi anni, la motivazione del Comune di Fiorano Modenese che ha sposato il progetto e la generosità della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che lo ha finanziato.

 

Per non perdervi neanche un evento, date un’occhiata al sito!

 

 

GLOSSARIO ROBOTICHESE E NON SOLO

 

FabLab: letteralmente Fabrication Laboratory, è una sorta di officina digitale dove trovare tutto l’occorrente per la realizzazione di manufatti tecnologici. E’ uno spazio aperto a tutti, dotato di strumentazioni spesso costose per i singoli utenti, ma anche e soprattutto un luogo di condivisione, punto di incontro per maker e appassionati dove collaborare alla realizzazione di progetti innovativi. In un Fab Lab non possono proprio mancare: stampanti 3D, laser cutter, macchine da taglio e sofisticatissimi software di progettazione. I Fab Lab sono però anche e soprattutto

 

Robotica educativa: è un approccio didattico al mondo della tecnologia e della robotica, facilmente integrabile nei programmi scolastici. Attraverso l’utilizzo di robot e giochi divertenti, bambini e bambine imparano le basi della programmazione informatica e della logica computazionale, conoscenze fondamentali per affrontare il futuro;

 

Stampante 3D: immaginate di disegnare un oggetto, inserirlo in una stampante e ottenere un oggetto concreto. Ecco, il principio delle stampanti 3D è un po’ questo, con la differenza che, al posto di carta e penna, i disegni vengono realizzati con specifici software di progettazione al computer. Il dispositivo poi elaborerà il progetto realizzato e ne restituirà una fedelissima riproduzione tridimensionale. Geniale no?

 

Please reload