Storytelling o l'arte della narrazione, anche nelle STEAM

Caro Babbo Natale,

quest’anno, invece di convincerti di quanto sia stato/a bravo/a per ricevere i consueti pacchetti, vorrei raccontarti una storia. C’era una volta due fratellini che vivevano insieme ai genitori in una casa piena zeppa di gingilli tecnologici. Mamma e papà infatti erano due famosi scienziati con una passione sfrenata per calcoli, formule e reazioni chimiche tanto da chiamare i propri figli come due altrettanto famosi scienziati, Leonardo come il mitico Da Vinci e Margherita come la stimatissima astrofisica Hack. Un bel giorno Leonardo e Margherita, mentre si divertivano a costruire una speciale catapulta per la raccolta differenziata, si accorsero di una strana lucetta lampeggiante in mezzo ai cespugli…

Come potrebbe proseguire questa storia? Chiunque la legga si farà un’idea diversa: chi darà una svolta noir, chi rimarrà fedele alle scoperte scientifiche, chi preferirà cambiare completamente direzione della storia. La magia è proprio questa: ognuno svilupperà un finale diverso, altrettanto interessante e altrettanto credibile.

Saper raccontare una storia o, più in generale comunicare, è una skill (o per meglio dire un’abilità), difficilmente replicabile dalla tecnologia e sempre più richiesta nei lavori del futuro. In questo periodo si fa un gran parlare di storytelling, declinato in ogni sua forma (digitale e non) e applicato in diversi ambiti professionali (marketing, gaming, letteratura, cinema, teatro, didattica).

Ma che cos’è davvero lo storytelling?

In effetti è la competenza umana più antica che esista, ben più antica della scrittura: è, in generale, l’arte di narrare. Oggi il concetto è stato recuperato con un elegante inglesismo e si accompagna a molti altri concetti legati, appunto, al mondo del marketing e della comunicazione (come strumento persuasivo). Deriva dall’esigenza del genere umano di condividere le proprie esperienze, di trasmettere idee, pensieri, ricordi. È questo che la rende così speciale: è una competenza intrinseca dell’uomo, derivante dal suo vissuto e delle sue esperienze personali.